L'ANTICRISTO – FRIEDRICH NIETZSCHE – 1888- N.C.Ed.

Pubblicato il da Lorenzo Pontiggia il poeta Mary Lory

L'ANTICRISTO – FRIEDRICH NIETZSCHE – 1888- N.C.Ed.

 


Guardiamoci in faccia. Noi siamo un popolo privilegiato, iperborei: già Pindaro il maggior lirico dell'antichità sapeva questo di noi. Al di là del nord, del ghiaccio, della morte – la nostra vita, la nostra felicità... Noi trovammo la via fuori da interi millenni di labirinto. Chi la trovata altrimenti? - Per caso l'uomo moderno? -

< Io non so uscire, né entrare...> sospira l'uomo moderno.

Divenimmo tristi. Fatalisti, rimanemmo lontanissimi dalla felicità dei deboli...>.

 


L'umanità è votata al nichilismo.

Lo sviluppo di tutte le religioni e delle varie ideologie non ha prodotto miglioramenti per l'umanità. C'è da sperare che l'essere umano ritrovando la Riflente (Riflessione-mente) si renda consapevole della necessità di agire per la vita abbandonando il nichilismo.


- Il concetto cristiano di Dio – Dio come divinità dei malati, Dio come regno, Dio come spirito – è uno dei concetti più corrotti di Dio mai raggiunti al mondo; addirittura esso rappresenta forse, nel processo di degradazione del tipo divino, l'indice del livello più basso. Dio degenerato a contraddizione della vita, invece che esserne la trasfigurazione e l'eterno sì! In Dio la dichiarazione di ostilità alla vita, alla natura, alla volontà di vivere! Dio, la formula per ogni diffamazione dell'<al di qua>, per ogni menzogna dell'<al di là! Il nulla divinizzato, la volontà del nulla santificata in Dio. -


Aristotele nella Scienza Morale 335 circa a.C., s'avvicina ai valori dell'Etica, principio della Moralità, il Bene è l'attuazione del fine umano, la Felicità è la Virtù, base della Ragione o Riflente che tutti ricevono in nascita. Soltanto nella società l'uomo può conseguire il suo fine.

Dallo scritto si sente anche la presenza di Voltaire...

 


A leggere con attenzione Nietzsche può non essere un cattivo maestro, come è stato in passato.

Consigliabile per chi lo legge con saggezza.

Lorenzo Pontiggia il Poeta marylory

Commenta il post