Bossi-Maroni, duello sulla Lega

Pubblicato il da Lorenzo Pontiggia il poeta Mary Lory

Bossi-Maroni, duello sulla Lega E il partito taglia i viveri al Senatur l'ex segretario aveva attaccato Maroni: al congresso per «riprendersi il carroccio» L'ipotesi: ridurre a un terzo l'«appannaggio» al fondatore da 850 mila euro l'anno l'ex segretario aveva attaccato Maroni: al congresso per «riprendersi il carroccio» Bossi-Maroni, duello sulla Lega E il partito taglia i viveri al Senatur L'ipotesi: ridurre a un terzo l'«appannaggio» al fondatore da 850 mila euro l'anno MILANO - Bossi rilascia un'intervista di fuoco al Fatto quotidiano . Giusto per capire, basta il titolo: «Maroni l'ha distrutta. Ora mi riprendo la Lega». L'interessato non ci pensa due volte. E taglia i viveri al «fondatore». Di quanto, ancora, non è dato sapere: in realtà, non è stato deciso. Certo è che l'appannaggio bossiano non è una mancetta: lira più lira meno, qualcosa come 850 mila euro all'anno. Ieri mattina, sul giornale diretto da Antonio Padellaro, è stata pubblicata un'intervista che ha rovinato la giornata a buona parte dei nordisti. Il fondatore parte lamentandosi del trattamento riservato ai figli, poi attacca duro: ora devo pensare alla Lega, me lo chiedono tutti. Aspetto il congresso, mi candiderò prima che non ne rimanga nulla». Nessun nuovo partito, racconta Bossi al giornalista Davide Vecchi: «Volevamo e potevamo farlo. Per recuperare i tanti che sono stati cacciati, allontanati, emarginati ingiustamente dopo aver dato la loro vita per la Lega». Un rapido passaggio sull'ex tesoriere Francesco Belsito («Uno str... »), per passare a parlare di «tutti gli ingrati che ho cresciuto». Bossi, è vero, non include Maroni nel novero. Fa di peggio. Ne demolisce la proposta dalle fondamenta: «Ha trasformato i nostri ideali in burocrazia, non puoi collegare un progetto politico solo alle poltrone». E soprattutto: «La Macroregione è un progetto irrealizzabile». Che è un po' l'architrave del progetto della Lega 2.0. Quanto alla figura di Maroni come leader, Bossi la liquida in tre parole. Micidiali: «Non è riconosciuto». Maroni non ha gradito. «Ma come? - avrebbe detto agli amici -. Lunedì l'ho visto, abbiamo riso e scherzato. E il giovedì se ne esce con robe del genere?». Per il pomeriggio era fissato il consiglio federale a cui avrebbero dovuto partecipare i due contendenti. Come in una commedia di Goldoni, nella Lega in mattinata era tutto un trepidare: «Chissà cosa mai si diranno». In realtà, poco. Pochissimo. Una volta in via Bellerio, Maroni si è limitato a chiedere pubblicamente a Bossi «cosa cavolo sei andato a dire sui giornali?». Il fondatore non ha risposto. E dopo alcuni istanti ha abbandonato il federale. A quel punto, il segretario dagli occhiali rossoneri si è messo a presentare il bilancio consuntivo 2012 che sarebbe stato approvato di lì a poco: entrate da finanziamento pubblico, entrate da tesseramento, spese di gestione, conto economico... Poi, la frase che conta: «Come sapete, oggi il governo ha approvato il ddl per il superamento in tre anni del finanziamento ai partiti. Oggi noi abbiamo un attivo patrimoniale di quaranta milioni. Ma il conto economico è in passivo di quasi undici. In pochi anni, potremmo trovarci in gravi difficoltà. E dunque, la proposta è quella di tagliare qualsiasi spesa che non abbia a che fare con il nostro core business, che è soltanto l'attività politica». Tutti d'accordo, e si prosegue senza che si parli di vile moneta. A consiglio finito, però, si apprende in che cosa consista il taglio: in soldoni, circa sei milioni in totale «per contributi decisamente troppo generosi alle associazioni del partito». Ma nella cifra è incluso anche l'appannaggio di Bossi. Che viene così riassunto: «Circa 500 mila euro per le spese di segreteria e di cura di Bossi: assistenti per la malattia, autisti, aiutanti». Poi, «150 mila euro senza causali particolari. Una sorta di stipendio per Bossi». Infine, «circa 200 mila euro per la scuola Bosina», l'istituto fondato a Varese dalla moglie di Bossi, Manuela Marrone. Che peraltro nell'ultimo anno del governo Berlusconi aveva ricevuto con la «legge mancia» la bellezza di 800 mila euro. Tutto tagliato? Ancora non si sa. A sentire coloro che godono della fiducia di Maroni, l'idea sarebbe quella di ridurre la cifra complessiva a circa un terzo di quella attuale. Ma, appunto, ci sono parecchi conti da fare. La macchina maroniana è già partita per stoppare tutte le critiche che dovessero sorgere. «Il segretario federale - dicono gli accoliti - costa alla Lega zero euro all'anno. Anzi, qualcosina sì: i cioccolatini che sono sulla sua scrivania di via Bellerio da offrire ai visitatori». Marco Cremonesi1 giugno 2013 | 7:47 Aggiungo Bossi possiede un pedigree da"lazzarone nato", i figli lo seguono e anche la truppa dei “quaranta ladroni”... Purtroppo dalla morte di De Gasperi e la fine di Aldo Moro, il magna magna sfacciato del pseudo maestro Craxi (CAF) e poi Forza Italia e C. hanno aperto la voragine del debito pubblico e paradossalmente continurà anche con il governicolo Letta... Morale:non conoscendo i veri valori della POLITICA DEMOCRATICA, insabbiata dal politichese imperante che vende solo illusioni, e lascia le cambiali in bianco ai nostri figli, i quali, da impreparati che faranno? Lorenzo Pontiggia

Commenta il post