2P) LA POLITICA dovrebbe essere la Panacea, purtroppo ha per base la Tensione, “l'anima” falsa di se stessa!

Pubblicato il da Lorenzo Pontiggia il poeta Mary Lory

 

2P) LA POLITICA dovrebbe essere la Panacea, purtroppo ha per base la Tensione, “l'anima” falsa di se stessa!

 

L'analisi evidenzia i falliti tentativi a causa dell'ingordigia della macchina uomo che non usando la Riflente paradossalmente accetta d'essere infelice, d'accontentarsi di non sentirsi mai solo da crearsi la compagnia della Realpolitik demagogica che va di moda da non sentirsi fallito né vincente.

Con la falsa speranza che dovrà cambiere la musica.

 

Giovanni Sartori ha scritto: < Sono 25 secoli che tentiamo di applicare alla Polis dei “programmi filosofici”: da Socrate (Platone) a Marx.

Regolarmente, sistematicamente, la conversione della filosofia in prassi fallisce: l'esito ha sempre tradito le intenzioni e clamorosamente smentito le previsioni. Dal che non consegue che una filosofia politica che fallisce nella sua traduzione operativa sia una filosofia sbagliata.

Anzi ritengo che il filosofo finisca di trasformare il mondo più di ogni altro! Lo trasforma indirettamente alla distanza, con l'Immanenza Utopica, idee che si realizzano, modificano il nostro modo di valutare e di interpretare il mondo, intervenendo subito, qui, ora. Un sapere applicabile = Immanenza Utopica è sapere come fare a trasformare il “mondo” che vaneggiava già Socrate!>

Saper interpretare la Filosofia Socratica si realizza l'Immanenza Utopica, e di riflesso la DEMOCRAZIA , insita nell'Uomo che guarda al futuro nella continuità della Progenie!

 

Socrate è il padre fondatore dell'etica morale, nella massima: < Sii virtuoso se vuoi esser felice >.

La frase di Socrate: “sapere di non sapere” è la base del dialogo per conoscere nel conoscersi, da condurre gli interlocutori alla curiosità di sapere, di capire e di realizzarsi in Armonia col Popolo, Musica, e non presumere di possedere una sapienza o conoscenza di tecnica di arti manuali,che non si ha! Meglio avere coscienza della propria ignoranza (che si ignora), che essere ignoranti senza averne coscienza!

Socrate, educa educandosi nel sentirsi chiamato a rinnovare la coscienza morale dei suoi cittadini, in virtù della Riflente nel conoscersi. Egli è animato di Luce di Verità, attraverso un costante colloquio da far scaturire l'Universale legge del Giusto e del Bene o legge dell'Umanità, Musica Universale!

Usando la Riflente, non demolì, ma rinnovò la Fede nell'agire, nell'essere uomini di coscienza, essendo, nell'umiltà apostolo d'AMORE Sociale!

La sapienza di Socrate nasce nell'aver notato la mancanza di ricerca interiore della verità morale assente nella cultura dei suoi tempi, da rifiutarla, rinnovandola di valori, di giustizia, di virtù, del bello e buono e soprattutto attraverso la padronanza della verità della propria autocoscienza...

La morte di Socrate è un insegnamento Etico Morale, ancora oggi attuale, egli pose la sua vita al servizio della Democrazia del Popolo con AMORE, e dello Stato e di una buona amministrazione della REPUBBLICA DEMOCRATICA...

Ogni pietra, ogni cittadino ha la sua funzione nel realizzare la costruzione di uno Stato sferico, dove ognuno apporta il meglio in armonia con Tutti.

La prassi della Filosofia è la Politica, la sintesi è Poesia (PoeFiloPoli), e Tutti siam chiamati a dare il meglio perché l'uomo nasce Poeta, Filosofo e Politico; ed è nell'essere vaso comunicante, linfa vitale che si realizza e prospera a vantaggio di Tutti, senza distinzione, da sviluppare: LA DEMOCRAZIA, l'Immanenza Utopica...

Platone, apprese dal MAESTRO SOCRATE, che la prassi della FILOSOFIA è la DEMOCRAZIA POLITICA, da cui nasce la Repubblica ( l'amministrazione dello Stato ). Lo Stato è un territorio delimitato da confini in cui vivono le “genti” governate da un apparato sovrano: il Popolo! Il Popolo è l'insieme di Tutti i cittadini liberi in un legame di rispetto per cui “uno vale uno” e la legge è uguale per Tutti!

Il vero Filosofo Politico è colui che usa la Riflente per incorrere in meno errori possibili, e in presenza di problemi li risolve spiegandoli alla Luce del Sole...

QUANDO QUALCUNO
CREDE ALLE NOSTRE PAROLE

ALLA NOSTRA RESPONSABILITÀ

NOI CHE CI DEFINIAMO UOMINI

NON DOBBIAMO DELUDERLO...

 



Lorenzo Pontiggia



Con tag Filosofia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post